Libri e dintorni

Rosalia Messina

Conversazione con Mariano Sabatini

Conversazione con Mariano Sabatini

Mariano Sabatini, giornalista e autore (finora) di saggi, esordisce come narratore con L’inganno dell’ippocastano (Salani, 2016).

 

Mariano, la tentazione di narrare una storia di pura invenzione arriva quasi sempre, prima o poi, per chi scrive altro e comunque scrive per mestiere. Ti va di dedicare una riflessione al fascino della narrativa?

Sicuramente posso dire che i libri, i romanzi soprattutto, mi hanno salvato la vita. Ero un adolescente problematico, studiavo poco e male, ma leggevo tanto e in modo furioso. Con tutto il piacere che potevo trarre da storie che mi portavano via dalla realtà che mi deprimeva o mi preoccupava. Ecco la spinta è stata questa, dare vita a una storia che potesse trasportare i lettori in una dimensione romanzesca più coinvolgente possibile. Leggere romanzi, per parafrasare Eco, è una forma di mortalità all’indietro. E come dico sempre alle mie figlie, chi legge non è mai solo.

 

Perché noir? Mi scuso per la banalità della domanda, sono fra coloro che aspettano il momento in cui non si parlerà più di generi letterari (comodi per le librerie-supermercato e anche, va riconosciuto, per orientare il lettore/consumatore) e in cui tutto ciò che conterà sarà avere scritto (e letto) una buona storia. Ma fintantoché l’attenzione di chi legge e di chi vende libri sarà concentrata sul genere, parliamone: ammesso che tu continui a scrivere narrativa – spero di sì – scriverai ancora noir?

Continuerò di certo, se il mio editore, che è Salani e di cui sono fiero, me lo consentirà. Sto cercando di finire il secondo romanzo, che vedrà ancora protagonista Leo Malinverno ed è perciò sempre un noir. Qualche tempo fa ho sentito una giornalista parlare di “romanzieri e giallisti”, ecco vorrei ricordarle e ricordarlo a tutti quelli che fanno questo tipo di distinzione che i giallisti altro non sono se non romanzieri. “Giallo” tra l’altro è un termine tutto italiano che nasce dal colore delle copertine dei romanzi Mondadori dedicati a questo genere narrativo, in anni in cui erano addirittura vietati dal regime. In lingua inglese si direbbe crime fiction. Il noir consente di parlare di tanto altro, tenendo avvinti i lettori alla pagina con il meccanismo del “chi ha ucciso chi”, ma soprattutto perché ha ucciso. S’indagano ambiente, psicologia dei personaggi, il milieu culturale.

 

Leonardo Malinverno, il protagonista del tuo romanzo, è un personaggio davvero accattivante. Giornalista, brava persona, onesto, un pizzico di cinismo quando serve, senso forte dell’amicizia. Dire che ama le donne forse è troppo, gli piacciono molto e piace loro. Si può anche innamorare, senza eccessivi investimenti in questo settore della vita. Un personaggio giusto per piacere agli uomini (per empatia), alle donne (per seduzione), alle mamme e alle nonne perché tutto sommato alle mamme e alle nonne piacciono i maschi alfa. Che ne facciamo di un personaggio così vincente? Gli facciamo proseguire le sue inchieste, la preparazione dei suoi manicaretti, l’amicizia e la collaborazione con Guerci (vicequestore, come precisa quando lo apostrofano “commissario”), gli amori di tutte le gradazioni che è capace di provare e di suscitare?

Facciamo che il suo percorso professionale e umano magari lo porterà a diventare, con i suoi tempi e senza accelerazioni prepotenti da parte mia, un po’ più riflessivo e disposto a farsi coinvolgere sentimentalmente in rapporti con le donne che finora sono stati di natura soprattutto sessuale. L’ideale sarebbe che lui prendesse un po’ della mia attitudine alla ponderazione che talvolta sconfina nella malinconia e io un po’ della sua leggerezza.

 

Protagonista del romanzo è anche e soprattutto il malaffare, l’intreccio micidiale tra affari e politica, così tanto presente nella cronaca attuale. Qualche spunto, anche minimo e naturalmente rielaborato, viene dalla realtà?

Credo sia inevitabile, stando a Roma da quarantacinque anni e vivendo la città senza indossare i paraocchi, farsi pervadere dall’atmosfera lercia che caratterizza la Capitale. Il sudiciume è tangibile e impalpabile allo stesso tempo quando si tratti di corruzione, prepotenza, indolenza, menefreghismo… La storia millenaria di Roma, quella che l’ha fatta amare da generazioni di turisti, è purtroppo calpestata dalle cronache infamanti di giornali e Tg.

 

La domanda di rito sulle letture. Cosa legge Mariano Sabatini? Ultimo libro che hai letto e ultimo che ti ha appassionato.

Leggo sempre più libri insieme, per lavoro e per piacere. Mi ha appassionato La bambina che non sapeva piangere di Elda Lanza. Ho appena finito La mantide religiosa di Paolo Mosca. Ora sto leggendo Se tornasse Natale del bravissimo Giacomo Cacciatore e Città di mare con nebbia di Sandor Weltmann, a cura di Hans Tuzzi.

 

Grazie, Mariano, per il tuo tempo e le tue risposte.

 

 

 

Lia Messina

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
  • Rosalia Messina

    Vedete, di autori negli anni ne ho intervistati un discreto numero, al ritmo di un’intervista ogni settimana (e qualche volta due, di rado, certo, ma è capitato). E voglio dirlo: Mariano Sabatini appartiene al genere di autore che preferisco. Uno che sicuramente ha il suo da fare, che va in televisione, che in questo momento ha una sarabanda di presentazioni per la promozione del suo romanzo. Eppure ha risposto a stretto giro alle mie domande, senza tirar via le risposte, e ha ringraziato fin troppo. Mariano, sei un amore.

Mostra più commenti

Rosalia Messina

Sono nata a Palermo nel 1955. Vivo, lavoro e scrivo tra Bologna, Firenze e Catania. Giurista insoddisfatta della prosa in “giuridichese”, mi salvo la vita scrivendo narrativa: tanti racconti, alcuni riuniti in una raccolta, “Prima dell’alba e subito dopo”, Perronelab 2010, i romanzi “Più avanti di qualche passo” (Città del sole edizioni), che da inedito aveva vinto il premio “Angelo Musco” 2012 e, come narrativa edita, ha vinto il premio “Città di Reggio Emilia” 2013), “Marmellata d’arance” (Edizioni Arianna 2013) e “Gli anni d’argento” (Algra Editore 2014), “Morivamo di freddo” (pubblicato in digitale da Durango Edizioni nel 2016, prossimamente edito in cartaceo dalla stessa casa editrice) e il libro per bambini “Favole a colori” (Algra Editore 2015, prossimamente anche in digitale). Credo nella condivisione e nelle possibilità che offre la rete; pubblico su LetteraTu le “Citazioni della domenica” e, di tanto in tanto, anche altro, come per esempio le interviste in “Ritratto di lettore”; su Libreriamo curo la rubrica “Libri e dintorni“, nata sulle ceneri de “La parola all’autore” e infine in rete si trova anche un mio blog – http://rosaliamessina.blogspot.it/ – per il quale spero sempre di trovare più tempo. Ma sotto le quattro ore di sonno non posso andare…

Utenti online