Libri e dintorni

Rosalia Messina

18122014184938_sm_10157

Francesco Mari, scrivere e leggere come ”forma di resistenza non violenta, quasi gandhiana, all’utilitarismo selvaggio dei nostri anni”

Francesco Mari è nato 47 anni fa a Napoli, dove tutt’ora vive e lavora. Ha fatto studi classici, ma non specificamente letterari (è laureato in filosofia).   Francesco, ho letto in rete un pezzo in cui racconti come nasce l’idea di scrivere La ragazza di Scampia (http://lemeraviglie.net/2014/09/la-ragazza-di-scampia-francesco-mari). È un articolo molto interessante, che si apre con una citazione di Giorgio… Leggi tutto

18122014184548_sm_10156

Cristian Borghetti, scrittore eroicamente naïf che scrive con l’inchiostro dell’innamoramento

Cristian Borghetti, nato a Lecco nel 1970, è autore di Ora di vetro (Montedit, 2006) e Tre volte all’inferno (Perdisa Pop, 2011).   Ho scoperto, documentandomi su Cristian Borghetti, che abbiamo in comune la pubblicazione di un microracconto nella medesima antologia (365 storie cattive, Onlus A.I.S.E.A.). Gli chiedo quale delle sue opere è stata la prima a essere pubblicata e… Leggi tutto

11122014181459_sm_10073

Chiara Giunta, la felicità di scrivere e la Sicilia degli anni Sessanta dalla parte delle donne

Chiara Aurora Giunta, siciliana che vive e lavora a Milano, scrive narrativa e saggistica. Il suo ultimo romanzo si intitola Maria Recupero della Pescheria (Vanda).   Chiara, voglio discorrere con te non soltanto del tuo ultimo romanzo (ne parleremo pure, certo), quello che in genere quando intervisto un autore mi interessa ancor prima delle opere è il percorso attraverso il… Leggi tutto

04122014184649_sm_10001

Raul Montanari, al centro della scrittura l’interrogazione incessante sul destino e sul senso della vita

Raul Montanari ha una vastissima produzione letteraria ed è anche autore di saggi e di testi teatrali, sceneggiatore di film e docente di scrittura creativa. Il suo ultimo romanzo (ne ha scritti dodici) è Il tempo dell’innocenza (Baldini e Castoldi, 2012).   Raul Montanari è il padre del post-noir e la prima domanda che voglio fargli riguarda questo genere letterario:… Leggi tutto

Rosalia Messina

Sono nata a Palermo nel 1955. Vivo, lavoro e scrivo tra Bologna, Firenze e Catania. Giurista insoddisfatta della prosa in “giuridichese”, mi salvo la vita scrivendo narrativa: tanti racconti, alcuni riuniti in una raccolta, “Prima dell’alba e subito dopo”, Perronelab 2010, i romanzi “Più avanti di qualche passo” (Città del sole edizioni), che da inedito aveva vinto il premio “Angelo Musco” 2012 e, come narrativa edita, ha vinto il premio “Città di Reggio Emilia” 2013), “Marmellata d’arance” (Edizioni Arianna 2013) e “Gli anni d’argento” (Algra Editore 2014), “Morivamo di freddo” (pubblicato in digitale da Durango Edizioni nel 2016, prossimamente edito in cartaceo dalla stessa casa editrice) e il libro per bambini “Favole a colori” (Algra Editore 2015, prossimamente anche in digitale). Credo nella condivisione e nelle possibilità che offre la rete; pubblico su LetteraTu le “Citazioni della domenica” e, di tanto in tanto, anche altro, come per esempio le interviste in “Ritratto di lettore”; su Libreriamo curo la rubrica “Libri e dintorni“, nata sulle ceneri de “La parola all’autore” e infine in rete si trova anche un mio blog – http://rosaliamessina.blogspot.it/ – per il quale spero sempre di trovare più tempo. Ma sotto le quattro ore di sonno non posso andare…

Utenti online